total_views = 524

La Credenza di Merlino

Il magico mondo del gusto

Ristorante pizzeria da Luca e Paolo, tra momenti divertenti e non

Dopo una pausa estiva eccoci tornati a parlare del magico mondo del gusto, tra gioie e dolori, tra nuove e vecchie emozioni regalate da ristoratori e produttori, più o meno conosciuti.
E cosa c’è di meglio di una buona pizza per non impegnare la cucina di casa e contemporaneamente senza svuotare troppo il portafoglio che e’ già abbastanza maltrattato per le spese d’oltralpe ?

pizza-e-paolo     pizza-luca-e-paolo

E allora si procede sull’Aurelia, fino a raggiungere la citta’ della famosa Focaccia col formaggio, dove ci si può imbattere nell’ex ristorante La Villetta, struttura posizionata alle porte di Recco posta quasi a dare il benvenuto ai viaggiatori provenienti dal ponente ligure.
Ma non fatevi ingannare, perché anche se la struttura pare la stessa, la gestione è cambiata e sembra che abbia l’intenzione di portare novità e fare bene, e sotto alcuni aspetti pare che ci riesca.
La nuova gestione ha cambiato il nome del locale che attualmente è “Da Luca e Paolo” e anche se questa omonimia ci farebbe pensare a frivolezza e grasse risate pensando subito al duo comico, ci dovremmo ricredere una volta capìta l’attenzione con cui sono state fatte alcune scelte di prodotto all’interno del locale.
La struttura del ristorante è su due piani, il piano terra un po’ più scarno e meno accogliente rispetto alla terrazza al piano superiore che risulta decisamente più’ godibile.
Il personale, seppur acerbo su alcuni aspetti della professione come ad esempio: alla domanda “che dolce mi consiglia” sentirsi rispondere con: “io dolci non ne mangio quindi non saprei consigliargliene”…risulta comunque cortese ed impegnato a far si che la serata sia per gli ospiti la piu gradevole possibile.
Ma veniamo alla carta (o piu’ impropriamente detto “menu’”..): la proposta del locale si articola principalmente su due fronti: da un lato troviamo la pizza cotta nel forno a legna e proposta in abbinamenti un po’ più interessanti rispetto alle poco entusiasmanti Marinare, Romane e capricciose.. dall’altro, il locale propone (non pochi) piatti a base di pesce variegati tra risotti al nero di seppia e accostamenti inusuali per il panorama levantino, come taglierini gamberi e porcini o spada e Lemon Grass..ed inoltre c’è un piccolo spazio destinato agli amanti della carne ed in questo periodo persino ai funghi, con qualche richiamo all’alta cucina come il tuorlo d’uovo marinato su spuma di primosale, che lascerebbe intendere che ci sia una buona mano in cucina..
La pizza è certamente un punto forte, in stile napoletano quindi ben lievitata e con tipico cornicione sui bordi, ma contrariamente a quello che si assapora nelle pizzerie che sposano lo stile Partenopeo, l’impasto risulta meno gommoso è certamente più digeribile.
I prodotti utilizzati per la farcitura appaiono qualitativamente superiori alla media delle pizzerie di pari grado e gli abbinamenti proposti lasciano intendere che vi siano un po’ di ragionamenti alla base della ricerca dei prodotti.
La conferma arriva con l’ordine delle bevande: al posto della solita birra chiara sciacquabudella, arriva una ben accetta Pedavena media, ben spillata e con il doveroso cappello di schiuma.

birra-luca-e-paolo

L’entusiasmo del momento mi spinge ad ordinare anche un dessert, una mousse al cioccolato fondente che risulta golosa, nonostante la consistenza e un po’ di effetto stucco.
L’esperienza positiva della pizzeria, ha portato in me una ventata di ottimismo gastronomico, spingendomi a prenotare per provare la cucina ed il relativo pescato.
Sfortunatamente l’esperienza positiva non si è ripetuta, la zuppetta di pesce nel cartoccio doveva regalare profumo di mare e sapidità del brodo per assaporarlo così con croccanti crostini di pane, ma l’immaginazione ha dovuto lasciare spazio ad una realtà’ più arida, dura e ben meno iodica..
A seguire, forse per troppa approssimazione nella preparazione, o per una serata poco felice della cucina..arrivano al tavolo un risotto asparagi e gamberi ed una mezza penna scampi e curry, entrambi con sapori decisamente troppo decisi.

cartoccio-luca-e-paolo   risotto-luca-e-paolo   penne-scampi-curry-e-paolo

La mantecatura del risotto completamente assente, è stata sostituita da un’eccessiva sapidità che rendeva il piatto decisamente difficile da deglutire, non hanno aiutato i gamberi e gli aspargi adagiati con cautela a lato del piatto quasi fossero ipoteticamente la composizione del piatto di un altro tavolo (magari il contorno di un filetto di salmone chennesò) visto che nel riso di questi elementi non ce n’era nemmeno traccia.
Le mezze penne condite con uno degli immortali condimenti pannosi ben conosciuti dagli avventori dei pub, avevano un sapore speziato talmente intenso che potevano esser essiccate, tritate e fumate con un Narghilè in buona compagnia…ma forse è colpa mia, avrei dovuto immaginare il carico di curry, vista la fosforescenza del piatto.
Fare un commento invece sugli scampi, risulterebbe fuori luogo vista l’impossibilità di comprenderne il sapore in mezzo a tutto quel lago etnico dal potere criptonitico..
A differenza delle esperienze precedenti, non mi son sentito di proseguire con altre pietanze e neppure con il dessert, forse per stanchezza, forse per delusione o semplicemente per punire la mia voglia di sperimentare..
In conclusione un’esperienza positiva solo in parte, e come spesso accade, si fa fatica a trovare un po’ di uniformità nelle proposte di queste nuove gestioni, c’è solo da augurarsi che la parte migliore sopravvalga su quella peggiore, un po’ come il bene sul male e che serate storte o aspetti da migliorare siano dovuti alla fase di Start-up e che non diventino un assunto.

Forse non siamo ancora pronti per una buona ristopizzeria nella capitale gastronomica o forse Luca e Paolo lo diventeranno senza ancora saperlo, o forse non ce lo meritiamo, chi può dirlo…
La ricerca comunque, continua…

Share Button

Tags:

Ermanno Merlino

Su

Food & Beverage Quality Blogger_La qualità è semplice...sono le persone ad essere complicate!

SCRIVI UN COMMENTO


*
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.L’autore dichiara di non essere responsabile per i contenuti forniti da terzi e per le citazioni esterne in esso contenute.
Directory powered by Business Directory Plugin