total_views = 1013

La Credenza di Merlino

Il magico mondo del gusto

CIBUS 2014, a Parma le novita’ dell’enogastronomia Italiana. Molto piu’ di una fiera del gusto.

  • Home
  • Fiere e Sagre
  • CIBUS 2014, a Parma le novita’ dell’enogastronomia Italiana. Molto piu’ di una fiera del gusto.

Anche quest’anno si e’ conclusa egregiamente una delle rassegne gastronomiche piu’ importanti a livello Nazionale e non, in una delle cornici che forse rappresentano meglio il Top della gastronomia Italiana nel mondo : Parma. Da qui infatti nascono le più’ importanti eccellenze gastronomiche Italiane che ci vengono copiate in ogni dove (clicca qui se non mi credi), dal Parmigiano Reggiano, al prosciutto crudo di Parma, l’aceto balsamico di Modena..giusto per citarne alcune.

Quest’anno le novità’ non sono mancate e quelle che meritano attenzione e che mi hanno colpito maggiormente ve le voglio elencare qui di seguito…buona visione :

1. Energy drink GO&FUN – “Guerra a Red Bull e Monster”

go e fungo e fun 2

Un energy drink che si differenzia rispetto ai suoi concorrenti perché e’ fatto con prodotti naturali. Quindi non sono presenti sostanze chimiche come la Taurina. Ecco l’identikit di questo prodotto e come viene promosso dall’ azienda :

Guaranà, utile per sostenere 5 ore di party in disco e poi il pranzo dalla nonna!
Gingeng, per ritrovare la voglia di far serata dopo 8 ore di studio, 2 di palestra e 1 nel traffico!
Matè, per stare attivi di fronte al capo o svegli durante le lezioni del prof noioso!
Rodiola, per ricordarsi le cose importanti, la pizza con la zia, i party e il compleanno di mamma!
Tè verde, per neutralizzare l’effetto negativo dello stress

La bevanda e’ piacevole da bere…anche se mi rimane il dubbio che effettivamente ” ti metta le ali…”

2. Piccoli lussi quotidiani. Le ricette di Gianfranco Vissani

vissani

Con questi piatti pronti…”L’alta cucina e’ uno sfizio che ci si può’ concedere ogni giorno” (dicono). Si tratta di 7 ricette firmate dal celebre Chef Vissani in collaborazione con l’azienda Gastronomia Toscana di Prato. Le ricette sono le seguenti :

 

  1. il delicatissimo risotto alla certosina
  2. il fantastico risotto Black Velvet
  3. la deliziosa zuppa rustica alle patate e funghi
  4. la meravigliosa zuppa di topinambur al caffè
  5. la nobile crespella toscana al cavolo ne
  6. l’avvolgente lasagna ai carciofi e pistacchi di Bronte
  7. e infine le raffinatissime lasagne all’astice

Ovviamente stiamo parlando di piatti pronti da rigenerare in padella o al microonde, quindi non ci si può’ aspettare più’ di tanto ed anche se il faccione del buon Vissani che sembra fatto di crack, dovrebbe farci pensare che questi piatti abbiano qualche potere allucinogeno e/o rilassante, nel dubbio e’ meglio andarci piano..

3. Olio extra vergine spray ed aromatizzato

olio sprayolio spray 2

Diciamo che spruzzare l’olio o l’aceto a mo’ di profumo e’ una pratica che già viene utilizzata da molti.. Anche perché’ effettivamente attraverso l’erogazione spray si ha una diffusione più omogenea del prodotto. Quello che era rimasto ancora in sordina e’ questa nuova tecnologia che consiste nell’utilizzare l’aria compressa ed un erogatore apposito. I comuni erogatori spray spruzzano l’olio o l’aceto di turno, attraverso lo stesso sistema del profumo o dei classici spray per pulire. Questo invece, assomiglia come funzionamento ad una lacca per capelli o all’insetticida.. lo so che il paragone non e’ il massimo..ma vediamo di capirci meglio.
Allora, abbiamo una bomboletta con all’ interno l’olio che può essere aromatizzato o meno (le aromatizzazioni variano dall’ aglio al tartufo, al peperoncino ecc…), poi abbiamo dell’aria compressa ed infine, ma non meno importante, abbiamo un erogatore che a seconda della pressione fa’ fuoriuscire il liquido in versione spray, in versione “filo d’olio” e perfino a goccia.. Un idea intelligente che consente diversi usi con un unico contenitore. Ci sarebbe da fare qualche appunto sulla qualita’ della materia prima, ma di fronte a cotanta utilita’…forse qualche massaia chiuderà un occhio…

4. Birra Green’s. La birra artigianale Belga senza glutine

birra senza glutine Green's

La birra si sa’ e’ formata da acqua, malto d’orzo, luppolo e lievito. Ma l’orzo come e’ noto, ha un contenuto di glutine all’interno. Quindi come e’ possibile chiamarle birre senza glutine? In realtà questo birrificio Belga, utilizza un sistema in grado di deglutinare il cereale durante la fermentazione. In alternativa e’ possibile anche produrre birre utilizzando cereali che già’ naturalmente NON contengono glutine, come ad esempio il riso, il miglio, il mais ed il sorgo. Il sapore di queste birre e’ abbastanza piatto, la gamma e’ formata da: una Pilsner, una Golden Ale, una Blonde, una Amber ed una Dark. In generale risultano birre prive di un carattere particolare e facilmente dimenticabili. La scura (dark) spicca tra le altre perche’ perlomeno i malti tostati regalano sensazioni caramellate che a fianco ai quasi 6 gradi alcolici puo’ esser inserita tra le qualificabili..

5. La frutta congelata e con gelato

frutta con gelato

C’e’ invece chi si e’ sbizzarrito a farcire la frutta con il gelato. La frutta tagliata, svuotata e con l’interno prodotto il gelato con il relativo gusto, dopodiché’ la stessa frutta farcita e ricomposta. E attenzione..quando si parla di frutta non pensate solo a quella fresca…perche in questo caso viene farcita anche quella secca, quindi largo spazio a noci, arachidi ecc.. Un idea originale e utile.


Dopo questi punti concludo con una nota a coloro che al termine della fiera hanno letteralmente saccheggiato gli stand quasi ci trovassimo in tempo di guerra…c’e'stato persino chi ha avuto il coraggio di portarsi a casa le vaschette di gelato da chilo mentre gli si scioglieva letteralmente nelle mani !!! Persone che si sono ammucchiate davanti agli stand aspettando il momento buono per poter portare a casa della polenta, della pasta e persino il sale! Ci mancava Toto’ che si infilava gli spaghetti in tasca e poi eravamo pronti a girare un film.. Gente in giacca e cravatta che fino a 10 minuti prima della chiusura degli stand rifiutava le degustazioni gratuite perche’ erano finiti gli stuzzicadenti e non voleva prendere il pezzo di formaggio con le mani…

saccheggioIMG_20140508_162514saccheggio gelato

Cari stranieri, cari concittadini…che ci possiamo fare… sappiamo fare del buon formaggio, del buon vino, degli ottimi salumi…ma talvolta sappiamo fare anche delle belle figure di m****… Che ci volete fare…siamo Italiani !

Buona vita

Share Button

Tags:

Ermanno Merlino

Su

Food & Beverage Quality Blogger_La qualità è semplice...sono le persone ad essere complicate!

One Response

  1. Katia says

    !!

SCRIVI UN COMMENTO


*
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.L’autore dichiara di non essere responsabile per i contenuti forniti da terzi e per le citazioni esterne in esso contenute.
Directory powered by Business Directory Plugin