total_views =

La Credenza di Merlino

Il magico mondo del gusto

Vino

VINO

  1. Il colore di un vino dipende principalmente dal colore della buccia dell’acino d’uva e per quanto tempo queste bucce sono rimaste a contatto con il mosto (il succo). Per i vini bianchi si utilizzano prevalentemente uve bianche anche se è possibile usare uve a bacca nera purché appunto le bucce non rimangano a lungo a contatto con il mosto. Mentre per i vini rosati e per quelli rossi le bucce dell’uva a bacca nera vengono lasciate a contatto con il mosto per diverso tempo, maggiore sarà il tempo di contatto tra bucce e mosto e più intensa sarà la colorazione finale del nostro vino.
  2. Nella maggior parte dei vini è contenuta una percentuale di “Solfiti” o “Anidride Solforosa” ossia dei conservanti ad azione antisettica che servono a limitare la proliferazione batterica. Sono utilizzati in molti prodotti alimentari ed assunti in grandi quantità possono provocare qualche problemino come nausea e mal di testa. Il produttore non è obbligato a segnalarlo in etichetta se la dose somministrata è inferiore a 10 mg/l mentre se supera questo valore è obbligato a segnalarlo in etichetta dove comparirà la scritta “Contiene Solfiti” .
    Il problema è che non è obbligato a segnalarne la quantità! Pertanto noi non possiamo sapere se ce ne mette 11 mg/l oppure 150 mg/l !!!
  3. Gli Champagne italiani vengono definiti spumanti metodo classico o metodo Champenoise e sono caratterizzati dalla rifermentazione del vino direttamente in bottiglia esattamente come avviene per i prestigiosi Champagne francesi, ovviamente non è possibile chiamarli Champagne, anche se utilizzano la stessa metodologia di produzione, perché sono prodotti in zone geograficamente diverse. In Italia le zone più quotate per la produzione di spumanti di questo tipo sono la Franciacorta, l’Oltrepò Pavese, l’alta Langa e Trento. Uno degli spumanti italiani più conosciuti è l’Asti spumante prodotto con uve Moscato
  4. La temperatura di servizio dei vini varia ovviamente in funzione del tipo di vino. Come regola generale i vini bianchi andrebbero serviti ad una temperatura compresa tra i 6°C e i 10° C, mentre quelli rossi tra i 14°C e i 18° C. I
    I vini liquorosi e passiti tra i 10°C e i 18° C, anche se in alcuni casi quest’ultimi possono essere serviti a temperature più fredde per limitare la percezione in bocca dell’alcool, ma ovviamente il freddo inibirà anche la percezione di particolari aromi ed il caratteristico bouquet che sono elementi distintivi di questi straordinari vini.
  5. Per degustare il vino è necessario procedere in questo modo : 1- Osservare il vino controluce per comprenderne colore e riflessi. 2- Portare il vino al naso ed annusarlo per capirne il bouquet e i profumi dominanti. 3- Far roteare il bicchiere ed agitare così il vino all’interno e portare nuovamente al naso per comprenderne altri profumi secondari. 4- Inserire una piccola quantità di vino in bocca, tale quantità dovrà esser sufficiente a coprire l’intera lingua. 5- Tenere il vino in bocca per pochi secondi, poi deglutire ed attendere qualche istante per permettere agli aromi volatili di risalire nel tratto retronasale. 6 – A questo punto avrete terminato la degustazione e sarete in grado così di comprendere le caratteristiche principali del vino e potrete accorgervi se vi sono odori e sapori indesiderati e sgradevoli nel vino. Uno dei più conosciuti è “l’odore/sapore di tappo” che è dovuto ad un fungo presente nel sughero, si riconosce perché al naso ricorda l’ammuffito e l’odore del cartone bagnato.
Share Button
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.L’autore dichiara di non essere responsabile per i contenuti forniti da terzi e per le citazioni esterne in esso contenute.
Directory powered by Business Directory Plugin