total_views = 693

La Credenza di Merlino

Il magico mondo del gusto

I sommelier ci fanno la supercazzola ???

  • Home
  • Vino
  • I sommelier ci fanno la supercazzola ???

sommelierSi muovono con garbo ed eleganza, parlano strano..molto strano, quasi ti stiano prendendo in giro facendoti la famigerata Supercazzola del film “amici miei’..ve la ricordate?
Se non ve la ricordate vi consiglio di dare un occhiata QUI’ !

Insomma..diciamolo, all’occhio comune sono esseri strani, sembra facciano parte di un clan di Illuminati o di Massoni, si capiscono solo tra di loro, hanno una loro lingua codificata e sembrano possedere poteri paranormali che gli consentono di percepire odori e sapori che sono oscuri alla gente comune.
Ma chi sono questi personaggi? Come vivono? Ma soprattutto perche’ hanno invaso la terra?

Scherzi a parte…la capacita’ di percepire odori e sapori sarebbe impossibile spiegarvela in questa sede, anche perche’ e’ frutto di tanto esercizio ed allenamento.
Vi mostrero’ invece come decodificare il loro linguaggio, in modo da tradurre nella lingua corrente buona parte dei termini che utilizzano.

Vediamo un piccolo Glossario in ordine alfabetico, allora…quando il vino si dice che e’ …

-Abboccato: e’ un vino dal gusto leggermente dolce perché, parte degli zuccheri non si sono trasformati in alcol durante la fermentazione.

-Allappante: si dice di un vino che “lega” la bocca, a causa del tannino che e’ una sostanza contenuta nella buccia dell’acino d’uva.

-Amabile: si dice di un vino piuttosto dolce e senza particolari “spigolosita’ organolettiche”

-Armonico: un vino che ha raggiunto il corretto equilibrio tra acidita’ e corpo, in cui i sapori sono in equilibrio tra loro

-Asciutto: vino generalmente con bassi livelli di zuccheri finali. Solitamente e’ presente un quantitativo di zucchero inferiore ai 5 grammi per litro

-Austero: indica un vino importante, in molti casi siamo anche in presenza di un elevato tenore alcolico

-Bouquet: e’ l’insieme degli aromi, intesi come percezioni gusto-olfattive, di un vino. Si parla di bouquet prevalentemente nei vini strutturati ed invecchiati

-Crosta di pane: e’ il profumo di certi Champagne francesi o certi spumanti che deriva dalla selezione di lieviti usati per la spumantizzazione

-Disarmonico: Quando una componente del vino prevale sulle altre’ creando squilibri

-Fermo: In contrapposizione a mosso’ si dice di un vino privo di anidride carbonica

-Franco: Vino che non presenta sapori o odori estranei, ma che e’ fedele alla lavorazione in vigna

-Fruttato: si dice di un vino che ha il profumo, e talvolta il sapore,della frutta matura

-Generoso: Con gradazione alcolica superiore alla media

-Maderizzato: E’ un vino che ha subito un processo di ossidazione durante l’invecchiamento, diventando scuro e aromatico come il Madera

-Millesimato: Si usa generalmente per spumanti e champagne e sta a significare che quel prodotto e’ stato ottenuto da uve di una precisa annata e questo valore viene riportato in etichetta dai produttori. Tutto ciò’ per distinguere il processo tradizionale che di solito prevede l’impiego di uve provenienti da diverse annate e diversi raccolti

-Novello: Vino da bere entro pochi mesi dalla vendemmia, molto profumato e fresco dovuto al diverso processo di vinificazione che prevede di lasciare integri gli acini che effettuano una fermentazione controllata, il risultato e’ un prodotto straordinariamente fresco e vinoso che, proprio per queste caratteristiche, non si presta all’invecchiamento

-Perlage: Il perlage e’ un termine francese che identifica negli spumanti o negli champagne, l’insieme delle bollicine presenti nel vino, ossia la quantità’ e le dimensioni delle bolle che rappresentano l’anidride carbonica disciolta nel prodotto. Inoltre identifica la velocità’ con cui queste bollicine procedono verso l’alto nel bicchiere

-Rotondo: Indica un vino dal gusto pieno, pastoso’, generalmente ricco di glicerina

-Tannico: Che “lega” troppo la bocca, ed e’ una sensazione di asciugamento del cavo orale con conseguente palato ruvido. Queste sensazioni sono originate dal tannino contenuto nella buccia dell’acino

-Uvaggio: Miscela di diverse uve che fermentate insieme otterranno un vino unico, con le caratteristiche volute

-Vinoso: Aggettivo che ricorda l’odore del vino giovane, che richiama quello del mosto

-Vivace: Il contrario di fermo, ossia un vino che presenta anidride carbonica disciolta, e pertanto e’ gasato

Non vorrei spaventarVi, in realtà’ ce ne sarebbero molti altri e molto più’ tecnici. ma direi che come primo passo basta cosi’…

Alla prossima puntata …

Buonavita

Share Button

Tags:

Ermanno Merlino

Su

Food & Beverage Quality Blogger_La qualità è semplice...sono le persone ad essere complicate!

SCRIVI UN COMMENTO


*
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.L’autore dichiara di non essere responsabile per i contenuti forniti da terzi e per le citazioni esterne in esso contenute.
Directory powered by Business Directory Plugin